• GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2020 - S. Pacifico da S. Severino

Autovelox, parte l'azione legale per il risarcimento multe

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  Dopo la sentenza della Corte Costituzionale sugli autovelox, il Codacons lancia in Campania una vasta azione legale in favore di migliaia di automobilisti e multati da apparecchi per il controllo automatico della velocità. La Corte Costituzionale, infatti, con la sentenza 113/2015 di pochi giorni fa, ha stabilito che sono illegittime quelle sanzioni prodotte da autovelox non sottoposti a verifiche periodiche di funzionalità e taratura. Sul sito www.codacons.it l’associazione ha pubblicato una pagina attraverso la quale gli automobilisti che hanno ricevuto una multa elevata da autovelox, possono diffidare il Comune responsabile del verbale a fornire le prove dell’avvenuta manutenzione sugli apparecchi e la data dell’ultima taratura. Con tale azione – spiega il Codacons – l’automobilista diffida il Comune a fornire la certificazione circa la regolarità degli apparecchi e, quindi, sul rispetto della sentenza della Consulta. Se l’amministrazione comunale non sarà in grado di fornirele prove di una manutenzione periodica e della taratura costante degli autovelox, sarà possibile impugnare i verbali, ottenere l’annullamento delle multe ancora non pagate e chiedere la restituzione delle sanzioni già versate. Per far valere i propri diritti e scaricare la diffida da inviare ai Comuni, si può consultare il seguente link: http://www.codacons.it/articoli/illegittime_le_multe_per_eccesso_di_velocit_se_lautovelox_non_viene_controllato_periodicamente__278102.html redazione 



Macrolibrarsi
Sannioportale.it