• DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020 - S. Teodoro martire

Allontanato per stalking: io costretto a dormire in auto

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Calitri.  «Costretto a dormire in auto per rispettare il divieto di dimora a Calitri. E’ la storia di Vincenzo Buldo, un 50enne, padre di una bimba di 5 anni e separato dopo venti anni di matrimonio.  Vincenzo è stato raggiunto da un provvedimento cautelare perché accusato di stalking e maltrattamenti nei confronti della moglie.  Il provvedimento gli obbliga di risiedere fuori dal comune di Calitri. Ma l’uomo nel comune altirpino ha tutto. Ha la sua bambina, i suoi parenti, il suo lavoro, la sua abitazione. E la misura cautelare lo obbliga ad allontanarsi da tutto. Ed è per questo che da una settimana dorme e vive nella sua auto a pochi metri di distanza da Calitri, in attesa di una nuova decisione della magistratura.   Vincenzo lancia un appello affinché possa rivedere sua figlia. E’ questo il suo grande rammarico. «Non mi dispiace dormire in auto, lo devo fare perché rispetto la legge, ma quello che più mi addolora è che non posso vedere mia figlia. Ho chiesto aiuto agli assistenti sociali, alla chiesa, ma i miei appelli sono stati inascoltati».   Paola Iandolo



Macrolibrarsi
Sannioportale.it