• VENERDÌ 14 MAGGIO 2021 - S. Mattia apostolo

Aeroporto declassato, insorge la Cisl

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Salerno.  “Non vorremmo che invece di essere un provvedimento che trova giustificazione nella ridotta attività e, quindi, volto a limitare i costi diventasse l’alibi per chi ancora rema contro l’aeroporto”, ha dichiarato il segretario della Cisl salernitana, Matteo Buono, in merito al declassamento dell’aeroporto di Salerno. L’infrastruttura è vitale ed essenziale per la provincia e per l’intera regione Campania, per cui nessun attore istituzionale può e deve tirarsi indietro e compromettere la tanto attesa decisione del Governo relativa alla ventennale concessione dei suoli dello scalo nonché l’utilizzo dei 40 milioni di euro per l’adeguamento della pista previsti dallo “Sbocca Italia”. “Non giova alla causa né l’attendismo della Regione Campania né il disimpegno del Comune di Salerno - ha continuato Buono - perché è proprio da questi Enti che dovrebbe arrivare la spinta decisiva, ora che la “collaborazione istituzionale” è favorita dai mutati assetti politici”. La Cisl chiede dunque, in sostanza, che il Comune riveda le proprie decisioni e revochi la delibera, approvata lo scorso aprile, di dismissione delle quote azionarie e che la Regione formalizzi la sua entrata, in qualità di socio, nel Consorzio, con tanto di erogazione dei fondi necessari allo sviluppo dello scalo salernitano.   Redazione Sa



Sannioportale.it