• VENERDÌ 4 DICEMBRE 2020 - S. Barbara vergine

Acqua, verso la fusione Acs - Gesesa: decidono i sindaci

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Avellino.  Non c’è alternativa alla fusione tra Alto Calore e Gesesa. Ne sono convinti gli attori del tavolo interprovinciale che è tornato a riunirsi oggi ad Avellino in Provincia per la gestione idrica in Irpinia e Sannio. Il presidente dell’Alto Calore Lello De Stefano rispedisce al mittente le accuse di chi sostiene che stia svendendo il patrimonio idrico irpino, mentre l’amministratore delegato di Gesesa Piero Ferrari parla di investimenti per il territorio irpino sannita pari a 20 -25 milioni per i prossimi anni e chiarisce che privato non vuole dire necessariamente profitto. 



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it