• LUNEDÌ 30 NOVEMBRE 2020 - S. Andrea apostolo

«Acqua alta come a Venezia e topi come a New York»

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Salerno.  Acqua alta e degrado nel Centro Storico di Salerno, intervento al curaro dell’ex presidente della Provincia, ora presidente regionale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Antonio Iannone. «Dopo un'estate da incubo tra blatte e topi a farla da padroni, un Natale con i disagi che comportano le luci d'artista, ora è il turno degli allagamenti e dell'invasione dei topi di fogna. – afferma in una nota Iannone - Attendendo misure per gli allagamenti le cui cause probabilmente sono da ricercare, da chi conosce la storia di Salerno, nei numerosi corsi d'acqua che attraversavano il suolo del centro storico tra il Fusandola e il Rafastia e che sono stati intombati in modo da non poter verificare eventuali ostruzioni che si possono creare negli anni. Preoccupa moltissimo l'inerzia dell'amministrazione di centrosinistra sul tema che riguarda l'invasione di ratti che non sono più solo un'attrazione cronica delle estati al lungomare. Ormai i palazzi e i negozi del centro sono letteralmente assediati e spesso violati dai topi di fogna che possiamo ammirare nelle loro performances diurne e notturne non soltanto nel dedalo del cuore antico bensì a Piazza Portanova e a Corso Vittorio Emanuele. La Città è sporca come non era mai stata, è evidente che c'è stata una caduta della cura dell'igiene e del decoro urbano. Il Sindaco dovrebbe ricordare che è innanzitutto Autorità sanitaria sul territorio comunale e i ratti sono pericolosissimi per la salute pubblica».   Redazione



Sannioportale.it