• DOMENICA 20 SETTEMBRE 2020 - S. Teodoro martire

A Vitulano nascerà il museo del marmo storico

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Vitulano.    Il Comune di Vitulano ha ottenuto un finanziamento di 250mila euro per la realizzazione del Museo del marmo storico, nell'ambito del programma di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale della Campania. L'ente ha partecipato al bando della Regione Campania finalizzato alla promozione dei Beni e dei Siti Culturali della Campania in coerenza con le azioni di valorizzazione per la definizione di un programma di interventi connessi al recupero, promozione e valorizzazione del patrimonio culturale della Campania anche ai fini dello sviluppo turistico. Con la proposta progettuale denominata: “Museo del marmo storico-ornamentale di Vitulano con portale di promozione turistica” l’Amministrazione si propone di raggiungere le seguenti finalità e obiettivi: Promuovere e valorizzare il territorio della valle vitulanese nel suo complesso; Veicolare e diffondere una storia secolare di tradizione artigianale ed artistica locale; Riscoprire una nuova lettura della produzione di elementi artistici e della cultura autoctona; Creare un ambiente di incontro e di condivisione culturale avendo come pivot il bene oggetto dell’intervento di restauro, attualmente dismesso e inutilizzato; Coniugare la bellezza del manufatto architettonico con una innovativa fruizione dello stesso attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie ICT. A questo punto, i principali obiettivi sono quelli di realizzare ambienti e attività permanenti di fruizione della cultura e dell’artigianato legato al territorio del Comune di Vitulano e della Valle Vitulanese; creare un Museo per il recupero della memoria locale e per la valorizzazione del prodotto a livello internazionale; realizzare eventi culturali funzionali alle caratteristiche, ai fabbisogni e alle vocazioni locali; organizzare percorsi ad hoc, guidati, di conoscenza del centro antico del Comune di Vitulano e delle cave di marmo quali “musei naturali a cielo aperto”; svolgere programmi finalizzati alla diffusione ed alla conoscenza delle bellezze artistiche, architettoniche e delle produzioni tipiche locali; promuovere l’impegno e la valorizzazione di maestranze locali; mirare a recuperare e valorizzare l’identità locale ed intensificare la presenza turistica, anche straniera, attraverso la promozione di itinerari definiti e rivolti a target ben individuati.
La proposta progettuale promossa coniuga in maniera sinergica l’intervento di restauro, che consentirà la realizzazione del ”MarVi” – Museo dei marmi varicolori di Vitulano -, con le azioni di promozione e valorizzazione del territorio poiché i marmi varicolori rappresentano un unicum di particolare pregio e sono stati utilizzati nel corso dei secoli per la realizzazione di architetture che hanno fatto la storia dell’arte italiana ed europea. Infatti i marmi di Vitulano sono presenti non solo a Vitulano e nella Valle vitulanese ma anche a Benevento, Napoli, Caserta, Mosca, ecc. Allo stesso tempo si vuol preservare e veicolare una storia secolare di tradizione artigianale ed artistica, attraverso una nuova lettura della produzione di elementi artistici e della cultura autoctona (portali, scalinate, utensili). Coerentemente con quanto richiesto, si realizzerà un modello innovativo di sviluppo locale centrato sulla salvaguardia e sulla valorizzazione delle risorse culturali del territorio di Vitulano e della Valle Vitulanese, perseguendo il duplice scopo di rafforzare le azioni di recupero, conservazione e gestione dei beni culturali, nel caso di specie il palazzo gentilizio settecentesco ubicato nell’antico borgo di Vitulano, qualificandone l’offerta mediante lo sviluppo di servizi e di attività capaci di promuoverne la conoscenza e il grado di attrattività con l’ausilio dei moderni strumenti tecnologici e multimediali. Il progetto di recupero, già definito in ogni dettaglio, interesserà il palazzo Ricciardelli che è quello semidemolito ai Fuschi di Sopra. Si ovvierà così anche ad una situazione di grave degrado urbano. Redazione    



Macrolibrarsi
Sannioportale.it