• SABATO 19 SETTEMBRE 2020 - S. Gennaro vescovo

A San Michele di Serino in scena la Natività

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ottopagine.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


San Michele di Serino.  Fra le opere natalizie di maggior successo, la più famosa in Campania è sicuramente “La Cantata dei Pastori”, scritta nel 1698 da Andrea Perrucci, noto come Casimiro Ruggiero Ugone. Nel corso dei secoli la storia è stata arricchita con l'aggiunta di qualche personaggio e tramandata nella tradizione popolare nostrana fino ad oggi con spettacoli di associazioni parrocchiali e cittadine. Da domani, a San Michele di Serino, verrà rappresentata una rivisitazione dell'opera del Perrucci col nome di “La Natività”, scritta da Salvatore Aufiero, direttore del “Gruppo Sacre Rappresentazioni” della parrocchia di San Michele Arcangelo. Questo adattamento consiste in un atto unico, a differenza dell'opera principale che ne annovera tre. Si tratta di una sintesi fluida e divertente con l'eliminazione delle parti più lunghe e pesanti per passare direttamente all'azione.  La trama resta pressoché la stessa: la storia del viaggio di Giuseppe e Maria verso Betlemme, poco prima della nascita di Gesù e delle peripezie che dovranno affrontare a causa dei diavoli che vogliono in tutti i modi evitare che il Messia venga al mondo.  Non è la prima volta che lo spettacolo viene proposto in paese, infatti questa è una tradizione che va avanti dal 2000, ma l'opera è sempre riuscita ad appassionare grandi e piccini attirando persone dai paesi vicini e allietando anche il pubblico più esigente.  La prima dello spettacolo ci sarà domani (24 dicembre) alle 23, prima della consueta messa natalizia e le repliche invece nei giorni 25, 26 e 27 dicembre alle 19.  Nell'opera originale oltre a Giuseppe, Maria, i diavoli e gli angeli simbolo del bene, sono presenti anche personaggi più goliardici che richiamano l'antica tradizione napoletana come lo scrivano Razzullo che si occupa del censimento e un altro personaggio comico, Sarchiapone, barbiere che fugge dalla legge dopo aver commesso due omicidi, inserito a partire dalle versioni del '700 e diventato uno dei personaggi più amati e famosi.  Redazione



Macrolibrarsi
Sannioportale.it