Strega, ritorno di fiamma per Llorente? Per l’attacco Foggia guarda anche all’estero

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ntr24.tv e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il Benevento prova a stringere per l’attaccante che tuttavia, con ogni probabilità, verrà ingaggiato soltanto la prossima settimana. Dal taccuino del diesse Foggia sono stati già eliminati diversi nomi: il primo è Pinamonti, che ormai l’Inter ha fatto sapere di non voler più cedere, il secondo Lasagna, per il quale l’Udinese ha sparato 12 milioni, cifra ritenuta eccessiva dal club giallorosso.

Depennati anche Zaza e Cornelius (incedibile per il Parma), restano Pavoletti, Inglese e Eder, ma c’è un ritorno di fiamma per Llorente. E non è detto che nei prossimi giorni non esca un nome nuovo, magari dall’estero, visto che il direttore sportivo sta battendo diverse piste.

In uscita c’è la fila per Moncini (Salernitana, Empoli, Chievo e Cremonese su di lui) e Iemmello (conteso da Frosinone e Reggina, ma piace anche a Brescia ed Entella) ma per darli via si dovranno incastrare tutta una serie di situazioni.

Per Moncini si deciderà soltanto all’ultimo, ovvero dopo che il Benevento si sarà assicurato il centravanti tanto inseguito. Determinante nel trasferimento in prestito sarà anche la volontà del calciatore, che preferisce una squadra di vertice, con l’Empoli su tutte perché oltre ad essere primo in classifica, gli consentirebbe di giocare in toscana vicino a casa (è di Pistoia).

Per Iemmello il discorso è diverso. La punta di Catanzaro gradirebbe la Ciociaria per la vicinanza a Roma dove si è stabilito con la sua compagna, l’attrice Giulia Elettra Gorietti, ma il Benevento in primis non intende compartecipare al pagamento dell’ingaggio da 800mila euro e poi vorrebbe anche fare un tentativo per cederlo non solo in prestito, ma a titolo definitivo.

Per Reynolds la trattativa si è complicata per via del nuovo inserimento della Roma, che ha rilanciato per il texano offrendo al Dallas un milione in più rispetto all’offerta del Benevento concordata con la Juventus (7,5 milioni di dollari, circa 6 milioni e 200 mila euro) e puntando sull’amicizia (e sui legami commerciali) tra Dan Friedkin, maggiore azionista del club capitolino, e Dan Hunt, proprietario del Dallas. Lo stadio dei Dallas infatti, ha come sponsor la Toyota che è il core-business dell’impero di Friedkin. Reynolds in realtà ha già scelto la Juve e di conseguenza il Benevento, la Roma ha provato ad alzare anche l’offerta per l’ingaggio (portata ad un quadriennale da 500mila euro a stagione) e adesso è in atto un testa a testa che può finire in qualunque modo.

Resta da dire che dalla parte del Benevento e della Juve gioca anche il fatto che i Friedkin non amano pagare commissioni esagerate ai procuratori, e per tale ragione l’entourage del giocatore non propenderebbe per la Roma. Nel giro di 4/5 giorni comunque, la vicenda troverà una sua risoluzione.



Sannioportale.it