• SABATO 18 SETTEMBRE 2021 - S. Irene vergine

L’ex assessora mastelliana Patrizia Maio si candida con Moretti in ‘Altra Benevento è possibile’

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ntr24.tv e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Patrizia Maio, ex assessore della giunta di Mastella ed ex componente della Lega di Benevento, si candida alle prossime amministrative e lo fa correndo nella coalizione ArCo, guidata da Angelo Moretti, nella lista Altra Benevento è possibile”. Una scelta che sa di contrarietà e di ribellione alla politica delle poltrone, che fa prevalere gli interessi particolari su quelli generali della collettività, che mette in secondo piano il diritto-dovere degli eletti a rappresentare il consenso ricevuto attraverso trasparenza e rispetto degli impegni assunti. E la stessa sua storia politica che induce a questa conclusione: candidata ed eletta nel 2016 a sostegno del sindaco uscente Clemente Mastella nella lista di Forza Italia, divenuta assessore alle Politiche Sociali, si dimette dall’incarico nel 2018 per ”porre fine ad una vicenda assurda che mi ha procurato stress e dolore”, come scrive in una lettera lei stessa il 19 maggio di quell’anno, spiegando le ragioni della sua scelta dopo numerose incomprensioni ed equivoci con i consiglieri del partito in cui fu eletta. In quella stessa lettera Maio ricorda che ”i consiglieri forzisti le avevano più chiesto di dimettersi per distanza dagli orientamenti politici ed amministrativi di Forza Italia” e dopo la richiesta dello stesso Mastella ”di lasciare la giunta solo perché sfiduciata senza pretendere che fossero chiariti i motivi di quella che è una vera è propria estromissione.” Una vicenda che le ha lasciato l’amaro in bocca: in quella circostanza Maio ricevette il sostegno dell’allora presidente di AltraBenevento, Gabriele Corona – oggi fautore della lista in cui si è candidata a sostegno di Moretti – in virtù del fatto che le vicende politiche tra la sua persona, il partito e il sindaco Mastella fossero, a quanto sembra ripercorrendo la cronistoria giornalistica, legate alle questioni dei migranti, degli Sprar, degli immobili e dei lavori socialmente utili. Successivamente, nella primavera del 2019 Patrizia Maio ha aderito alla Lega di Benevento all’epoca guidata da Luca Ricciardi, dopo aver lasciato Forza Italia e volendo rimanere nell’area di centrodestra. Entrò a far parte del coordinamento cittadino del partito salviniano, pronta a preparare insieme il terreno per le amministrative 2021. Ma i fatti relativi alla Lega cittadina sono noti con i suoi numerosi e repentini avvicendamenti ai vertici, da Ricciardi a Fiore, che hanno sfilacciato l’intera struttura e che oggi vedono come guida locale del partito Alberto Mignone di recente nomina. L’intera storia politica dell’imprenditrice beneventana, Patrizia Maio, è stata ripercorsa in poche righe con un post su Facebook, dallo stesso candidato a sindaco di ArCo, Angelo Moretti, nella giornata di ieri ufficializzandone la candidatura. Moretti, nel definirla ”donna coraggiosa, caparbia e seria”, ”testimone di legalità”, ”testimonial di ArCo” e ”grande artefice di comunità”, si è detto ”felice di essere in squadra insieme dentro la lista Altra Benevento è Possibile.” ”Ho seguito passo passo – si legge nel post – il tuo defenestramento ed il tuo lento ed inesorabile isolamento quando hai osato opporti a scelte scellerate dell’amministrazione uscente, scelte che hanno avuto pessime conseguenze sulla pelle di persone disabili e di persone migranti, avvantaggiando gruppi casertani che non avevano mai messo piede in città fino all’epoca mastelliana. Ora sapere che lotteremo insieme per riportare Benevento al centro di un vero piano di sviluppo, lontana dall’opacità amministrativa a cui ti sei opposta, mi onora e mi rallegra. Benevento è fatta di testimoni di legalità che, come te e Gabriele Corona, sono pronte a pagare il prezzo quando occorre! Oggi sei una grande testimonial di ArCo e una grande artefice di comunità.”



Sannioportale.it