• SABATO 24 OTTOBRE 2020 - S. Marco solitario

Tuffo in mare col salvagente. Così le Ong ci rifilano i migranti

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


La Open Arms da giorni staziona a largo di Palermo ma oramai sapere se approderà o meno appare superfluo. Questo perché quasi la metà dei migranti che aveva a bordo una volta giunti a largo della Sicilia si sono gettati in mare, con la Guardia Costiera che è dovuta intervenire per salvarli.E appare proprio questa la nuova frontiera delle strategie delle Ong per portare i migranti in Italia. Così come sottolineato sul quotidiano La Verità, una volta che le persone si gettano in acqua a largo della costa, ovviamente i soccorritori si devono attivare. Dopo che questa strategia ha funzionato una prima volta a seguito il diniego da parte di Malta a entrare all'interno del proprio territorio, le stesse scene si sono ripetute a poche miglia da Palermo nelle scorse ore.Un pericoloso precedenteAll'inizio di questa settimana in tre ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it