• MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE 2020 - SS. Simone e Giuda

Ong, sbarchi e (zero) ricollocamenti: così è ripartita "l'invasione"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Secondo gli accordi di Malta dello scorso anno sono ricollocabili solo coloro che arrivano con mezzi militari o delle Ong, dunque la questione relativa ai ricollocamenti risulterà essenziale". A dichiararlo a ilGiornale.it è il professor Maurizio Ambrosini, esperto di immigrazione e docente alla Statale di Milano. Sui ricollocamenti si giocherà buona parte della linea politica del governo sul fronte migratorio, specie adesso che le Ong hanno ripreso le loro attività. E tutto, in vista dell'autunno, appare decisamente un'incognita.La ripresa delle attività delle OngQuello degli ultimi giorni è un mar Mediterraneo caratterizzato da un'imponente presenza di navi battenti diverse bandiere e appartenenti alle Ong. Le imbarcazioni, dopo una "pausa forzata" (come l'hanno definita gli attivisti), sono tornate a navigare in soccorso delle diverse migliaia di persone che, partendo dal continente africano, vogliono accedere alle porte d'Europa. Diversi in questo momento i "taxi del mare" alla ricerca di migranti, approfittando del fatto che il governo giallorosso è stato finora quello che ha sempre ceduto nella 'lotta' al braccio di ferro con gli altri Paesi europei.Tra le navi che hanno già ottenuto il permesso di entrare nei porti italiani vi è la Mare Jonio dell'Ong Mediterranea Saving Humans. Il mezzo è approdato a Pozzallo assicurando un porto sicuro a 27 migranti trasbordati dalla Maersk Etienne: l'ok è arrivato dal Viminale il 13 settembre dopo 40 giorni di navigazione e dopo il respingimento, come di solito accade, da parte di Malta. Dopo le operazioni di sanificazione della Rescue Area il 16 settembre l'imbarcazione ha ottenuto la "libera pratica sanitaria" annunciando di essere pronta a tornare attiva nel mar Mediterraneo. Quasi certamente, stessa sorte per Open Arms. Quest'ultima, con 276 migranti a bordo, ha ricevuto a più riprese il divieto di sbarco da parte delle autorità maltesi e, dopo aver accusato diversi problemi a bordo si è diretta verso il porto di Palermo in ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it