• SABATO 16 GENNAIO 2021 - S. Priscilla martire

Mia madre nel lager, il Club 54 e il sesso Senza mai giudicare

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Un talento tante vite. Scorre a ritmo implacabile la biografia La donna che volevo essere scritta da Diane von Furstenberg e pubblicata da Marsilio. Lei, signora della moda americana - ha cominciato nel 1970 e quattro anni dopo ha creato il celebre wrap dress, una vestaglietta di jersey sexy ed elegante al tempo stesso - dedica questo racconto, quasi una «elegante rigurgitata di emozioni» ai suoi figli (Alexandre e Tatiana) e ai suoi nipoti (Talita, Antonia, Tassilo e Leon) ma anche a Barry il suo attuale marito. Il filo conduttore è l'amore che scandisce ogni attimo della vita di quella ragazza nata da Leon Halfin e Lily Nahmias a Bruxelles il 31 dicembre del 1946. «Mia madre a ventidue anni pesava ventisei chili perché aveva passato tredici mesi nei campi di sterminio nazisti di Auschwitz e Ravensbrück». Per questo «la ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it