• MERCOLEDÌ 25 NOVEMBRE 2020 - S. Caterina vergine e martire

Mantovani, 5 ore sotto torchio ma mancano ancora le prove

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Milano - «Interrogatorio fiume» è un'espressione abusata ma questa volta rende l'idea. Dalle 9.30 del mattino, quando il giudice per le indagini preliminari Stefania Pepe e il pubblico ministero titolare dell'inchiesta Giovanni Polizzi hanno varcato la soglia del carcere milanese di San Vittore, fino a oltre le 21: in mezzo, le domande con cui sono stati messi sotto torchio l'ex vicegovernatore della Regione Mario Mantovani, il suo capo di gabinetto Giacomo Di Capua e Angelo Bianchi, l'ingegnere funzionario del provveditorato ai Lavori pubblici per il quale, secondo l'accusa, i primi due avrebbero fatto pressioni al neo provveditore Pietro Baratono affinché gli restituisse un ruolo di responsabilità, che sarebbe stato strumentale per compiere gli altri reati, oltre alla concussione, contestati dalla Procura: dalla turbativa ...



Sannioportale.it