• MARTEDÌ 20 OTTOBRE 2020 - S. Contardo Ferrini

Madia, il ministro delle gaffe che non conosce la sua riforma

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Spiace davvero doverlo rilevare, ma tra le tombe del cimitero di Petilia Policastro, nel Crotonese, così come nelle austere ed eleganti stanze di via Colli della Farnesina, dall'altra sera c'è gran subbuglio. In Calabria le povere spoglie del notaio Nicola Madia, nonché del figlio penalista Giovan Battista , maestro d'arte oratoria; nella zona tra Farnesina e tribunale di Piazzale Clodio, le attive figure del nipote Titta, cassazionista principe del foro, magari anche di suo figlio Nicola. È tutto un gran sobbalzare: quattro generazioni di cultori del diritto, già provate dalle scelte politiche della bisnipote Marianna (il primo Titta fu deputato di Mussolini e del Msi fino agli anni Cinquanta), hanno ascoltato la discendente ministro della Repubblica discettare ancora una volta di materie (per lei) oscure. Fino ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it