• GIOVEDÌ 26 NOVEMBRE 2020 - S. Corrado vescovo

L'amico Mancio lascia l'amico Miha in camicia

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Gli amici veri si abbracciano sotto il tunnel, al buio, perché quel gesto, intimo e sentito, vissuto da Mancini e Mihajlovic, non diventi un altro motivo per dividere e per scatenare il livore dei curvaioli. Già perché Sinisa, un tempo icona dell'interista duro e puro, è diventato d'improvviso un nemico da inseguire con il laser e da seppellire con i fischi appena mette fuori la sua sagoma dalle viscere di San Siro. Spiegazione semplice: tutta colpa di quel saltello il giorno della presentazione del Milan. Nello stadio a maggioranza interista, gli fa concorrenza solo Balotelli, antico e scontato obiettivo di cori, insulti e striscioni volgari. Abbracciati prima i due poi separati ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it