• MARTEDÌ 26 GENNAIO 2021 - S. Paola vedova

La triste fine senza saggezza del senatore alla romana

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Non muore il Senato, sono morti i senatori. A quanto pare senza neppure troppi rimpianti. Non è che sono mai stati particolarmente simpatici. Pensi ai sentori, non quelli di adesso, ma di sempre. A ritroso. Come figura, come maschera, come archetipo. C'era quello all'italiana tronfio e grasso o allampanato e severo da prima repubblica, con le cravatte marroni e il suo codazzo di clienti, buono per una raccomandazione e un posto alle poste. C'era il Bossi secessionista che quasi per beffa si ritrova per la prima volta in Parlamento nella Camera nobile, giusto il tempo di guadagnarsi il soprannome di Senatùr e poi migrare a Montecitorio, dove la politica ha più sale. C'era Andreotti a cui l'«amico» Cossiga fece il più perfido dei regali, un seggio da senatore a vita, come a certificare l'eclissi di un potere. ...



Sannioportale.it