• SABATO 4 LUGLIO 2020 - S. Ulderico vescovo

La prima pizza insieme dopo mesi di isolamento. Travolte e uccise in auto

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Brescia Avevano trascorso la serata in pizzeria. Finalmente, si erano ritrovate dopo mesi di lockdown in uno dei primi weekend di libertà post covid. Appena permesso dal decreto, erano salite in auto per riassaporare quegli sprazzi di una normalità che nelle loro vite mancava da troppo tempo. Ma Giulia e Claudia non potranno mai più raccontare di questo inedito momento storico e la reciproca voglia di rivedersi di persona. Intorno alle 23 di un venerdì sera finalmente diverso le due ragazze - rispettivamente di 20 e 21 anni - stanno percorrendo la Statale 42 ad Esine, nel Bresciano, a bordo di una Opel Corsa, quando vengono travolte da un'Audi che viaggia in direzione opposta, verso Nord. Lo schianto frontale è devastante e tutto accade in pochissimi secondi: per Giulia Vangelisti di Cividate Camuno e Claudia Marioli di Esine, entrambe della Valcamonica, non c'è nulla da fare: muoiono sul colpo. Secondo la ricostruzione degli agenti della Polizia Stradale di Darfo, l'Audi che viaggiava sulla carreggiata opposta avrebbe sbandato travolgendo l'utilitaria delle ragazze, che percorreva la Ss42 in direzione Sud. A bordo dell'altra auto c'erano cinque persone, operai di cittadinanza tunisina e albanese, in viaggio verso casa dopo una settimana di lavoro in Svizzera. Forse la stanchezza del conducente, forse una sua distrazione, l'Audi ha sbandato andando ad invadere la carreggiata opposta e schiantandosi contro l'Opel delle due ragazze. Gli altri cinque uomini tra i 30 e i 40 anni sono tutti feriti. Due di loro un tunisino di 33 anni e un albanese di 38 sono invece in condizioni gravissime. Quando pochi minuti dopo lo schianto i soccorritori arrivano sul luogo dell'incidente, in località Toroselle, la scena è a dir poco drammatica, un ammasso di lamiere e corpi in condizioni irriconoscibili. Per le operazioni di soccorso servono quattro ambulanze, l'eliambulanza dall'Ospedale Civile di Brescia e i Vigili del Fuoco. I due feriti più gravi vengono trasferiti al vicino ospedale di Esine, gli altri sono ricoverati agli Spedali Civili del capoluogo. La notizia del tragico schianto si è fatta strada in pochi minuti tra le piccole comunità della valle bresciana e ieri mattina l'intera Valcamonica si è svegliata trafitta dalle lacrime e dal dolore. In una provincia già stroncata dalla profonda ferita generata dall'emergenza coronavirus, la scomparsa di Giulia e Claudia due giovanissime che rappresentavano un pezzo di futuro delle piccole realtà di provincia somiglia ad una nuova scure che si è abbattuta su un territorio già afflitto da angoscia sociale, preoccupazioni economiche e problemi sanitari. La Procura di Brescia ha aperto un'inchiesta per omicidio stradale.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it