La paladina Lgbt adesso sbotta "Salta il governo? Gli omosex..."

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"Fra gli aspetti negativi delle #dimissioniConte, ce n'è uno in particolare che quasi nessuno nota: la legge contro l'omotransfobia sarebbe bloccata per l'ennesima volta, lasciando senza tutele e diritti milioni di cittadin* Ce ne ricorderemo ad eventuali elezioni, si sappia".Con un tocco di pennello di infinita classe Cathy La Torre dipinge l'asterisco giusto al posto giusto in una delle sue ultime tele, i Tweet cioè, con cui intende cambiare il mondo. Anche digitale. Perché l'avvocata (apprezzerà il boldrinismo) bolognese che in una delle tante interviste si definisce con orgoglio "lesbica e gender-fluid, non-binary, queer, fuori dalle categorie" e che per alcuni quotidiani è il legale "dei diversi", dei linguaggio comunicativo utilizzato sui social ne ha fatto una scienza.È madrina della campagna "Odiare ti costa", ha fondato fondato il Centro europeo di studi sulla discriminazione, è sempre pronta a difendere, spesso pro-bono, membri della comunità LGTBQ+ perseguitati per via dell'orientamento sessuale. In circostanze vere o presunte. ...



Sannioportale.it