• VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020 - S. Massimo martire

La bad bank non convince. E la Borsa boccia Padoan

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Roma - Non c'è niente da fare. Quando l'Italia chiede qualcosa all'Europa e magari la ottiene, si scopre sempre un «difetto» che compromette la buona riuscita dell'operazione. Ieri mattina il ministero dell'Economia, infatti, ha confermato le ipotesi del Giornale: l'ok alla garanzia di Stato «a prezzi di mercato» sulle cartolarizzazioni delle sofferenze bancarie difficilmente produrrà risultati soddisfacenti nel breve.A riprova di questa affermazione vi sono gli andamenti dei titoli bancari in Borsa: il Banco ha ceduto il 7,8%, Bper il 4,07%, Carige il 3,4%, Ubi il 3,23%, Unicredit il 3% e Intesa l'1 per cento. Si è salvata solo Mps (+1,1%), ma solo perché il ministro Pier Carlo Padoan, incontrando ieri gli ad di Ubi e Bpm, ...



Sannioportale.it