• DOMENICA 5 LUGLIO 2020 - S. Antonio Maria Zaccaria

"Italiani di me*** vi ammazzo", la furia del migrante contro le auto in corsa

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"È stata la mezzora più lunga della mia vita". Moira Masi, 37 anni, coordinatrice di Fratelli d'Italia a Grottaferrata è ancora sotto choc. "Non ho chiuso occhio ieri notte, ho paura che possa accadere di nuovo", ci confessa. Moira ha una ditta di costruzioni e ieri stava viaggiando in zona Torrino-Mezzocammino a bordo del suo furgone assieme ad un operaio. Sono le 15 quando imbocca via Armando Brasini per immettersi sulla Cristoforo Colombo, non sa cosa la attende dietro al tronate.La macchina che la precedere frena improvvisamente. Moira decelera di conseguenza, non si è ancora resa conto del pericolo. "Ho visto un straniero in mezzo alla strada che si chinava a raccogliere dei mattoni", ricorda. "Credevo lo stesse facendo per liberare la carreggiata e invece è iniziata la sassaiola". Il migrante si mette in mezzo alla strada, sbarrando il passo alle auto. Le mette sotto tiro e le colpisce. I malcapitati non sanno che fare, c'è chi rimane pietrificato e chi azzarda una pericolosa marcia indietro o prova scartare il balordo. Moira è ferma, aggrappata al volante. L'operaio che le è accanto, invece, riprende quello che sta accadendo. "Italiani di merda, vi ammazzo", strilla lo straniero mentre si accanisce su un'utilitaria grigia."Nessuno di noi sapeva che fare, eravamo in balia di quell'uomo e della sua furia", ricorda l'imprenditrice che ha subito chiamato le forze dell'ordine. Lo straniero è incontenibile. Si avvicina alle auto, e con tutta la forza che ha le colpisce. I danni non si contanto, tra cofani ammaccati e finestrini andati in frantumi. Arriva anche il turno di Moira, il suo furgone viene preso sulla fiancata. "Ricordo il botto e le urla di quell'uomo inferocito, continuava a dire che ci avrebbe ammazzati", spiega la donna. A quel punto c'è un colpo di scena. "Si è scaricato, come un giocattolo a pile, e si è seduto sul marciapiede". Moira non ci pensa due volte, pigia sull'acceleratore e si libera da quell'imbuto infernale. È la fine di un incubo.E la polizia? "Non so se è arrivata, certo è che in quella mezzora sarebbe potuta succedere una tragedia", ragiona donna. "La prima cosa che ho fatto ritornando a casa è stata abbracciare mio figlio", continua. Moira si consola pensando che sarebbe potuta andare peggio. La rabbia però è tanta. "Chi pagherà per quello che è accaduto? Chi mi risarcirà del danno alla fiancata e dello spavento? Sono domande che mi piacerebbe rivolgere al ministro Bellanova", dice polemica. "Io vado a lavorare ogni mattina, ho tenuto duro nonostante il Covid, non ho ricevuto nessun aiuto dallo Stato, non chiedo nulla, solo che il tragitto da casa al lavoro non si trasformi in una roulette russa".



Sannioportale.it