• VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020 - S. Massimo martire

I proprietari di casa in rivolta: "La Costituzione? Calpestata"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


"La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d'interesse generale". Le parole che contiene la nostra Costituzione all'articolo 42 sono fin troppo chiare. Ma da qualche tempo, come abbiamo raccontato in questi giorni, questo diritto è stato messo in discussione da una decisione del governo: il blocco degli sfratti con proroga fino al 31 dicembre 2020. Nella tante mail arrivate in redazione sono emersi tutti i problemi di tanti lettori, proprietari di casa, che di fatto si ritrovano senza l'incasso del canone di locazione dovendo però pagare sugli immobili illegittimamente occupati le imposte (e le spese legali per lo sfratto). "Rispettare la prorietà privata" C'è chi però sottolinea come quanto deciso dal governo sia contro i diritti sanciti dalla ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it