• MERCOLEDÌ 27 MAGGIO 2020 - S. Agostino v. di Canterbury

Fedez: "Con il mio prossimo pezzo prenderò decine di querele"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


A tre anni di distanza dalla pubblicazione del brano "Vorrei ma non posto", Fedez è pronto a scatenare nuove polemiche con una canzone. Nel 2017 il dito medio mostrato nel videoclip del duetto con J-Ax - e rivolto al leader leghista Matteo Salvini - fece molto discutere e, oggi come allora, il prossimo pezzo in uscita del rapper si annuncia come una bomba pronta a esplodere.Ad annunciarlo è stato lo stesso Fedez che, attraverso i suoi canali social, ha svelato che la sua nuova canzone lo metterà a rischio querele: non una, ma parecchie. Dopo un lungo periodo di pausa dalla scena musicale il rapper è tornato al produrre musica. Complice anche la lunga quarantena, il marito di Chiara Ferragni ha scritto una serie di brani già usciti nelle scorse settimane e piazzatisi ai vertici delle classifiche. Nelle storie del suo profilo Instagram, poche ore fa, Fedez ha fatto sapere di avere pronti altri due pezzi, uno dei quali decisamente polemico: "Ho scritto due pezzi. In uno si viaggia alla grande, nell'altro mi prenderò una decina di querele. Non vedo l'ora".Difficile capire chi sia finito nel mirino (e nel testo) del rapper milanese, ma c'è da scommettere che - dopo le recenti polemiche legate alla raccolta fondi per l'emergenza coronavirus - la politica e le istituzioni non saranno risparmiate da frecciate e ritornelli. Fedez non è nuovo a spararle grosse contro politici e figure italiane di spicco. Era già successo nel 2016 con il brano scritto in collaborazione con J-Ax, "Vorrei ma non posto", dove aveva pesantemente preso di mira Matteo Salvini con la strofa: "Salvini sul suo blog ha scritto un post: dice che se il mattino ha l'oro in bocca si tratta di un rom". Salvo poi rincare la dose mostrando il dito medio all'indirizzo del leader leghista nel video musicale. Nel mirino del rapper era finito, oltre un decennio fa anche Tiziano Ferro in "Tutto il contrario" (con il quale si era innescata una pesante polemica sull'omofobia), Maria Elena Boschi, la Guzzanti e persino sua moglie, Chiara Ferragni (galeotta fu proprio "Vorrei ma non posto").

Visualizza questo post su Instagram Problemi con tutti "Giuda" fuori ora! Artwork by @ortolanileoUn post condiviso da FEDEZ (@fedez) in data: 14 Mag 2020 alle ore 4:07 PDT



Sannioportale.it