• GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2020 - S. Pacifico da S. Severino

Due modi diversi di affrontare il terrorismo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Israele è un paradosso: una democrazia che sola nel cuore della zona più difficile del mondo combatte la bestialità del terrorismo come conducesse una partita di fioretto; è una difesa evidente per tutto il mondo occidentale e quest'ultimo usa contro di lui armi acuminate; un guerriero in battaglia che pure lascia spazio a continue domande. Si intrecciano sui media l'eliminazione mirata a Damasco (secondo fonti estere, come si dice) di Samir Kuntar e dall'altra parte la caccia ai terroristi israeliani che funestano con i loro delitti la coscienza dello Stato ebraico. Per Samir Kuntar, druso che ha reclutato 280 dei suoi per il presidente Bashar Assad, è stato allestito dagli Hezbollah un funerale di lusso, accompagnato da un discorso del loro capo Hassan Nasrallah: la vendetta verrà quando lo riterrò opportuno, ha detto. Da notare che mentre il vertice ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it