• DOMENICA 1 NOVEMBRE 2020 - Tutti i Santi

Chernobyl 30 anni dopo: il «paradiso» di lupi e volpi

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Sono passati trent'anni dalla catastrofe nucleare più grave della storia, quando il 26 aprile 1986 esplose il reattore numero 4 della centrale di Chernobyl, nel Nord dell'Ucraina. Sono cambiate poche cose, il materiale radioattivo è ancora là e le radiazioni continuano a uccidere. Eppure, a trent'anni dal disastro, l'area intorno alla centrale pullula di vita. Gli esseri umani sono davvero pochi, 158 anziani che hanno deciso di restare o tornare alla propria casa dopo l'incidente. Ma ad aver ripopolato la zona ora sono gli animali, dai lupi ai cinghiali selvatici. A documentarne la presenza sono state le telecamere collocate dai ricercatori dell'Università americana della Georgia nella cosiddetta «zona di alienazione», cioè l'area off limits istituita ...



Sannioportale.it