• GIOVEDÌ 22 OTTOBRE 2020 - S. Marco vescovo

Centralini intasati: il boicottaggio gay contro il Family day

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Lo chiamano «call bombing». Lo scopo (come si legge sulla pagina Facebook creata ieri allo scopo) è «intasare per tutta la settimana in centralino di Regione Lombardia e l'ufficio di presidenza» per «comunicare il proprio dissenso con la scritta sul Pirellone». La scritta luminosa «Family Day» accesa da venerdì scorso per confermare l'adesione della Regione alla manifestazione che si terrà sabato prossimo a Roma contro il decreto legge Cirinnà sulle unioni civili. Le associazioni gay hanno già preso di mira la giunta con fotomontaggi goliardici e foto di baci omo davanti al Pirellone. Il governatore Roberto ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it