• VENERDÌ 30 OTTOBRE 2020 - S. Massimo martire

C'è una voragine nel governo. I giallorossi ora saltano in aria

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Quando mancano ormai pochissimi giorni alle Regionali e al referendum confermativo sul taglio dei parlamentari, appuntamenti elettorali decisivi per la maggioranza giallorossa, Movimento 5 Stelle e Partito Democratico, come da prassi, tornano a battibeccare. L'oggetto dell'ultimo ed ennesimo scontro tra i due partiti (teoricamente) alleati di governo è il controverso Mes.Da un lato i dem spingono per l'attivazione del meccanismo europeo di stabilità, dall'altro i pentastellati continuano a opporre resistenza. Perché loro il fondo salva-Stati, proprio non lo vogliono.Nei giorni scorsi il segretario del Pd Nicola Zingaretti è tornato a battere con forza sulla necessità del Mes. Nello studio di Porta a Porta, ospite di Bruno Vespa, il capo politico piddì ha infatti dichiarato: "Dire no al MES significa dire no a qualcosa che c'era in passato. Ma qui parliamo di una linea di credito da cui l'Italia può guadagnare ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it