• VENERDÌ 4 DICEMBRE 2020 - S. Barbara vergine

Aerei e poesie: viaggio fantozziano in Argentina

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Roma Voli pindarici e aerei di linea complicano il viaggio argentino del premier Matteo Renzi, tingendolo di un tono piuttosto grottesco. È il 15 febbraio, e la visita ufficiale nel Paese sudamericano vive un momento altissimo con la lectio magistralis del primo ministro italiano nella facoltà di scienze economiche dell'università di Buenos Aires.«Buenas tardes a todos ustedes, e ho finito le parole in spagnolo», esordisce Renzi. Che purtroppo non tiene fede all'impegno. Perché il premier dopo una mezz'ora di discorso, spiegando che «non c'è parola più grande dell'amicizia per descrivere la storia di due popoli diversi», pensa bene di recitare - in spagnolo ...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it