• MERCOLEDÌ 28 OTTOBRE 2020 - SS. Simone e Giuda

A Tel Aviv volevano la strage. L'Isis si avvicina ad Hamas

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilgiornale.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Tel Aviv la forte, la coraggiosa, la solare casa della Israele laica è stata colpita al cuore, ed è magnifico vedere come torna a vibrare di vita, di lavoro, di bambini che vanno a scuola dopo la strage. Sarona è proprio davanti alla Kiria, piena di giovani soldati, ragazzi e ragazze, che portano con incurante antimilitarismo genetico persino quell'arma ciondoloni dalla spalla che pure sanno e devono usare così professionalmente; il ministero della Difesa sta proprio là, con tutte le sue antenne che protendono orecchie, stavolta inutili, verso l'Oriente. La cura messa nel definire il quartiere nuovo di zecca si vede nelle aiuole, nel decoro delle vetrine, nella ricchezza di menu dei caffè. Una volta sede di baracche-ufficio per lo più militari, oggi è lucido di ristoranti, bar, boutique, negozi di sport.I due terroristi hanno approcciato la zona come i terroristi parigini al Bataclan, cercando ...



Sannioportale.it