• MARTEDÌ 24 NOVEMBRE 2020 - S. Crisogono martire

Reddito di cittadinanza, ecco perché molti poveri restano esclusi (anche secondo l’Inps). E che cosa bisogna cambiare per renderlo più equo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Ilfattoquotidiano.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Su circa 9 milioni di persone in povertà relativa, solo il 14% lo riceve. E i poveri assoluti (chi non può comprare nemmeno i beni essenziali) lo scorso anno sono diminuiti solo di 447mila, nonostante circa 2,3 milioni di persone avessero il sussidio. "I tre problemi principali sono la sostanziale esclusione degli stranieri, la penalizzazione delle famiglie numerose e lo svantaggio per il Nord", spiega Cristiano Gori, docente di politica sociale all'Università di Trento. "Questi tre gruppi fruiscono del beneficio meno degli altri e quando lo ricevono prendono cifre più basse" L'articolo Reddito di cittadinanza, ecco perché molti poveri restano esclusi (anche secondo l’Inps). E che cosa bisogna cambiare per renderlo più equo proviene da Il Fatto Quotidiano.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it