• MERCOLEDÌ 12 MAGGIO 2021 - SS. Nereo e Achilleo martiri

Venerdì fischio d'inizio per le riaperture. Regole e gradualità, verso giugno

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Una data per le riaperture c’è. E l’ha decisa Mario Draghi. Ma non è un giorno simbolico, come fu il 4 maggio 2020, quando l’allora premier Giuseppe Conte inaugurò la cosiddetta fase 2 della stagione pandemica. E questa data non riguarda neppure i bar o le palestre. È la data di inizio di una transizione che sarà graduale, di due mesi, fino a giugno. Eccola la data: venerdì 16 aprile. Quel giorno sarà Draghi stesso a presiedere la cabina di regia con le forze di maggioranza per mettere a terra la road map delle riaperture. E al termine della riunione sarà sempre il presidente del Consiglio ad annunciarla, in conferenza stampa.Il dato acquisito a palazzo Chigi è che il percorso delle riaperture deve essere necessariamente avviato. Per più ragioni. Ci sono quelle economiche, con le attività che si apprestano a ricevere 40 miliardi di nuovi aiuti, ma che non reggono più le restrizioni e le chiusure previste per contenere il virus. La piazza di Montecitorio di due giorni fa e le proteste che si susseguono di giorno in giorno - è il ragionamento - non possono solo essere tamponate con la strategia dei ristori. Ci sono poi le ragioni politiche, ...



Sannioportale.it