• SABATO 8 AGOSTO 2020 - S. Domenico di Guzman

Salvini e Di Maio, gli sconfitti del Papeete

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il ministro Di Maio si è scelto un ruolo “calcistico” ben preciso nel governo, quello dell’ala destra. È un ruolo che egli interpreta con naturalezza ed è anche un ruolo tatticamente sensato, poiché copre una “fascia” nella quale nessun altro gioca nel governo giallo-rosso, ad eccezione di Giuseppe Conte e di Matteo Renzi. I due ex premier però non possono (come invece può fare Di Maio) schiacciare l’acceleratore in tema d’immigrazione ed ecco quindi il ministro degli Esteri trovare campo libero su quel fronte. Si potrebbe quindi pensare che ciò indichi una condizione ottimale per l’ex coordinatore del M5S, che però si rivela assai ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it