• VENERDÌ 14 MAGGIO 2021 - S. Mattia apostolo

Processo George Floyd, giuria riunita. Biden chiama la famiglia: "Prego per voi"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


“Ci ha appena chiamato, sa cosa significa perdere un familiare e sa che cosa stiamo affrontando”. Colui che ha chiamato il fratello di George Floyd, l’afroamericano ucciso a Minneapolis a maggio scorso dall’agente di polizia Derk Chauvin, è il presidente degli Stati Uniti in persona. Joe Biden “ci ha voluto far sapere che prega per noi e che spera che tutto andrà bene”, ha riferito Philonise Floyd alla Nbc, confermato anche dalla portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. L’attesa spasmodica per l’intero Paese è dovuta a come la giuria si rivolgerà nei confronti di Chauvin: riunita da ieri sera, i giurati dovranno infatti decidere se l’agente sia colpevole o meno di omicidio di secondo grado. Il presidente e l’amministrazione  hanno iniziato a redigere le dichiarazioni che, probabilmente, dovranno essere pronunciare di fronte alla nazione una volta conosciuto l’esito del processo.Una decisione che allarma gli Stati Uniti, qualunque sia il verdetto che uscirà dall’Aula. La giuria è, attualmente, rintanata all’interno di un hotel della città: normalmente, per la deliberazione potrebbero volerci anche giorni, figuararsi quindi per il processo più seguito d’America. Una eventuale assoluzione potrebbe provocare la reazione ...



Sannioportale.it