• MERCOLEDÌ 30 SETTEMBRE 2020 - S. Girolamo presbitero e dott.

Polvere, il podcast su Marta Russo: le persone della prima puntata

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


 Il 9 maggio 1997 Marta Russo e Iolanda Ricci camminano lungo un vialetto della città universitaria di Roma “La Sapienza”. Alle 11.42 Iolanda sente un rumore sordo e vede Marta cadere. Qualcuno ha sparato. Da dove? E perché? Marta RussoStudentessa di Giurisprudenza Giovanni ScattoniAssistente di Filosofia del diritto, condannato per l’omicidio di Marta Russo Salvatore FerraroAssistente di Filosofia del diritto, condannato per l’omicidio di Marta Russo Iolanda RicciÈ un amica di Marta, le cammina accanto quando qualcuno spara in un vialetto della città universitaria di Roma. Anche lei studia Giurisprudenza. Suo padre, Renato Ricci, ha lavorato al ministero di Giustizia ed è stato il direttore del carcere di Capraia e di Rebibbia. Patrizio CardinaliSpecializzando in Neurologia, è il primo a soccorrere Marta La PultraL’impresa di pulizie dell’Università. I dipendenti sono appassionati di armi e sparano al poligono, nel loro magazzino, chiamato “il deposito delle munizioni, vengono ritrovati bossoli e silenziatori artigianali. Giacomo FalsoIl perito della Polizia scientifica secondo cui sul davanzale dell’aula 6, l’aula assistenti di Filosofia del diritto, c’è una traccia esclusiva di polvere da sparo.  Carlo LasperanzaIl Pubblico ministero Domenico VulpianiIl capo della Digos Nicolo D’AngeloIl capo della Squadra mobile Guglielmo MuntoniIl giudice per le indagini preliminari...



Macrolibrarsi
Macrolibrarsi
Sannioportale.it