• LUNEDÌ 12 APRILE 2021 - S. Damiano vescovo di Pavia

Più soldi al reddito di cittadinanza e d'emergenza. La prima mossa antipovertà del governo

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Quanto il Covid abbia fatto e faccia male all’Italia lo dicono i numeri dei morti e quelli dei contagi. Ma anche quelli dei poveri. Perché il 2020, l’anno in cui è scoppiata la pandemia, è stato anche l’anno in cui il Paese ha toccato un record su questo fronte. Un primato in negativo. Mai così tante persone in povertà assoluta dal 2005. Da quindici anni. Sono i dati dell’Istat a dirlo, così come dicono che nel 2019 c’era un milione di persone che non viveva in questa condizione. Ora invece sì. E così il numero dei poveri “assoluti” è salito a 5,6 milioni, il 9,4% della popolazione. Per il Governo è tempo di riaprire le casse dello Stato e di rifinanziare le misure anti-povertà: più soldi per il reddito di cittadinanza e per quello di emergenza.Sarà il decreto Sostegno, atteso la settimana prossima sul tavolo del Consiglio dei ministri, a tenere dentro 1 miliardo per rifinanziare il reddito di cittadinanza e le risorse per due nuove mensilità (febbraio e marzo) del reddito di emergenza. E il ricorso a una misura ...



Sannioportale.it