• MERCOLEDÌ 12 MAGGIO 2021 - SS. Nereo e Achilleo martiri

L’Ulivo non è replicabile

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


L’Ulivo è ritornato a essere centrale nel dibattito politico all’interno del centro sinistra. Di una stagione che indubbiamente fu feconda e importante per quella coalizione. Un tema che era stato radicalmente rimosso dall’orizzonte politico italiano e che è ritornato di moda con l’arrivo alla segreteria politica del Partito democratico di Letta.Si tratta di capire, oggi e non ieri, cos’è l’Ulivo in forma 2.0 come si suol dire. E questo perché la differenza con il passato è semplicemente radicale. È cambiata in profondità la geografia politica italiana e sono cambiate, soprattutto, le dinamiche che permisero concretamente il decollo di quella scommessa politica, culturale e programmatica.Certo, era ancora una stagione, quella del post tangentopoli, che chiedeva un “di più” di politica e dove il populismo e l’anti politica non avevano ancora fatto irruzione in modo così radicale nel panorama pubblico italiano. Tutto il contrario di quello che oggi è sotto ai nostri occhi. Ecco perché quando oggi si riparla di Ulivo e di riproporre una visione ulivista nel campo politico progressista e riformista occorre essere precisi e meno generici. Perché sicuramente riparlare di Ulivo è una bella notizia in quanto significa, almeno a livello simbolico ed emotivo, ricordare appunto una ...



Sannioportale.it