• MARTEDÌ 27 OTTOBRE 2020 - S. Frumenzio vescovo

La dissoluzione del M5S

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


La disfatta cinquestelle è sotto gli occhi di tutti. Lo certificano i numeri. L’esiguità dei consensi ricevuti nelle elezioni regionali in Toscana e Puglia, Veneto e Liguria, Marche e Campania. Lo dimostra la diffusa, anche se non generalizzata, incapacità a mostrarsi affidabili al governo. Credibili nel perseguire obiettivi vecchi e nuovi con azioni efficaci.Gli elettori non sono un’assicurazione sulla vita, ma piuttosto una polizza da rinnovare. Con proposte che non si rivelino dopo poco tempo, ambigue. Gli elettori da tempo hanno smesso di essere coinvolti, come invece è accaduto nella lunga fase in cui il movimento ha costruito la sua forza e il suo consenso. Una lunga fase contraddistinta da un’infinità di battaglie nei terrritori, accanto a tanti comitati locali. Da Nord a Sud, Sicilia compresa. Su criticità differenti, anche se spesso legate indissolubilmente tra loro. Sul terreno del rispetto delle tematiche ambientali e dei Beni Culturali, ...



Sannioportale.it