• LUNEDÌ 10 MAGGIO 2021 - S. Isidoro agricoltore

Huffpost weekend: piccoli rituali, letture condominiali e una ricetta milanese

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Per quelli che sono affranti da questa ennesima vacanza trascorsa in casa. Tara Parker-Pope ha scritto sul New York Times che è giusto soffrire per tutte le piccole cose che ci sono mancate e che ci mancano in un anno di pandemia. È un dolore che non ha senso paragonare con le grandi perdite che purtroppo tante persone hanno subito, ma che neanche va sottovalutato. Per gli esperti si chiama “dolore senza diritto di voto” (disenfranchised grief), un dolore privato, nascosto, che abbiamo paura di rivelare. È un dolore che ci mette a disagio, quello che ci fa dire “non ho il diritto di piangere, di lamentarmi”. L’articolo assolve chi soffre perché non ha avuto modo di viaggiare, di vedere i nipoti, di raggiungere un obiettivo entro un momento preciso della sua vita. Spiega anche che vanno riconosciuti e condivisi questi momenti di tristezza con le persone che ci sono accanto, con gli amici o con chi ci può fornire un supporto psicologico. Riconoscere il dolore è il primo passo per superarlo. Poi secondo gli esperti citati nell’articolo si possono mettere in campo piccoli “rimedi”, dai rituali sostitutivi, al praticare atti di gentilezza (aiutare i vicini di casa, gli amici) e cercare piccole cose che possano darci un po’ di felicità.  Cosa leggere: un libro uscito da poco e una serie di racconti da recuperareA proposito di rassicurazioni. Non avevo mai letto un libro in cui la maternità fosse descritta in modo così crudele. Con crudeltà mi sono tornati in mente pensieri, che non si può negare, mi hanno tenuto in ostaggio, se non per un lungo periodo almeno per qualche tempo quando mio figlio era molto piccolo. Pensieri che non ti viene da confessare, perché ti vergogni, ti fanno sentire sbagliata, ingrata anche. Ne Il giorno che incombe, è facile commuoversi per una mamma così fragile e disperata: arrivi a temere che abbia fatto una cosa sconsiderata. Perché si mescolano continuamente realtà, immaginazione, paure e sogni assopiti. È una continua lotta tra quello che vorresti e quello che non puoi fare. È necessario leggerlo, per fare la pace con se stessi, per quelle ...



Sannioportale.it