• MERCOLEDÌ 12 AGOSTO 2020 - S. Eusebio vescovo

Hu Kun (Zte): "Grazie al governo continueremo a investire in Italia sul 5G"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


“Capisco quanto sia importante la questione della sicurezza cibernetica, e quindi le preoccupazioni del Governo, ma il 5G sarà una nuova era, cambierà la società”. Hu Kun, presidente Europa occidentale del colosso cinese Zte e ceo Italia, a colloquio con HuffPost dice la sua sulla tecnologia diventata ormai un delicatissimo tema di politica nazionale ed estera, non solo per il nostro paese. Sul tavolo, il dilemma se fidarsi o meno dei player dell’ex Celeste Impero, in attesa di una più rigida legislazione europea e di capire che piega prenderà il braccio di ferro tra Xi e Trump. Qual è lo stato dell’arte? La maggior parte degli operatori sta già lavorando attivamente sul 5G in tutto il mondo, e molti governi si aspettano che la nuova infrastruttura aggiorni le industrie tradizionali e ne migliori l’efficienza. Durante la pandemia questa necessità è diventata indispensabile. Ci sono rischi per la salute? Finora non ci sono prove del rischio per la salute. La radiazione dell’antenna 5G non è più forte delle apparecchiature elettriche di casa come la tv, il frigorifero e il pc. Solo la radiazione ionizzante è dannosa per la salute umana. La radiofrequenza, compresa quella 5G, lavora sotto i 28GHz, ed è molto lontana da quella ionizzante. Dunque, nessun rischio per la salute.Che tipo di presenza ha ZTE in Italia?In Italia abbiamo fatto importannti investimenti. Due anni fa all’Aquila è stato inaugurato lo ZIRC in cui abbiamo realizzato la sperimentazione voluta dal Governo, insieme ai nostri partner Wind3 e Open Fiber, sviluppando alcuni casi d’uso innovativi. In collaborazione con l’Università dell’Aquila, che è all’avanguardia in Europa nel campo della ricerca 5G, abbiamo sviluppato il caso d’uso per la segnalazione dei terremoti in tempo reale. Un’applicazione talmente apprezzata che il Comune di Roma ci ha chiesto di replicarla per sei mesi, su alcuni edifici di Piazza del Campidoglio.Inoltre, l’anno ...



Sannioportale.it