• MARTEDÌ 7 DICEMBRE 2021 - S. Ambrogio vescovo

Draghi dà l'addio a Quota 100. Salvini abbozza e rilancia a 102

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Se Mario Draghi dice in chiaro quello che è scontato e cioè che quota 100 non verrà rinnovata è perché Matteo Salvini non si faccia troppe illusioni. C’è una trattativa in corso sulle pensioni tra Palazzo Chigi e la Lega, con il Tesoro a fare da laboratorio, ma la manovra che conterrà le misure sulla previdenza e che sarà approvata la settimana prossima dal Consiglio dei ministri non conterrà alcuna concessione strabiliante al Carroccio. Al di là del balletto quotidiano sulle quote, il dato di fondo è che i toni e i contenuti delle interlocuzioni di chi tratta rimandano a una dialettica invece che a uno scontro. Certo, come ha fatto capire Draghi a Salvini, il perimetro delle richieste non va allargato troppo perché altrimenti viene a cadere il principio generale e cioè che la stagione dell’extra-flessibilità sulle pensioni, rappresentata da quota 100, deve essere archiviata in nome del ritorno alla “normalità”, come l’ha definita sempre il premier. Ma sulla gradualità di questo percorso si può trattare.La portata limitata della trattativa dice innanzitutto che, comunque andrà a finire, Draghi avrà portato a casa l’obiettivo di chiudere la finestra leghista dell’uscita anticipata ...



Sannioportale.it