• MARTEDÌ 3 AGOSTO 2021 - S. Pietro vesc. di Anagni

Draghi ci mette una pezza

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Quando Draghi fa Draghi, funziona. Sia perdonata la licenza, in tempi di Europei: è un po’ come quando la palla passa al fuoriclasse, che accende il gioco. E non c’è dubbio che la giocata, diciamo così, raddrizza un tempo giocato male. In fondo, era inevitabile che dovesse intervenire, per chiarire, spiegare, parlare all’opinione pubblica, e ripristinare, quantomeno provarci, un rapporto di fiducia incrinato dalla ridda di messaggi contraddittori arrivati negli ultimi giorni sui vaccini.La parola “confusione”, utilizzata dal premier, non è rituale. E rivela anche una certa onestà intellettuale e consapevolezza che i problemi si affrontano non con uno “storytelling”, come amano dire i guru della comunicazione che affollano le stanze della politica, ma con il crudo linguaggio della verità, che si addice agli uomini delle istituzioni. Perché parlare di confusione significa, neanche tanto implicitamente, ammettere che anche il governo ha le sue responsabilità in materia. Ai tempi dell’avvio della campagna vaccinale, come messaggio persuasivo, proprio nella ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it