• LUNEDÌ 12 APRILE 2021 - S. Damiano vescovo di Pavia

Dimissioni Zingaretti, comunque vada sarà un fallimento

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Che non lo sapesse nessuno anche se quella parola, “dimissioni”, nei suoi sfoghi, più volte l’aveva pronunciata da settimane, questa è una certezza. Il “me ne vado” di fronte a quello che viveva come un “logoramento”, un “bombardamento del quartier generale” o semplicemente l’amara constatazione di non riuscire più a governare un partito diventato una confederazione di correnti, anche per proprie (non ammesse) responsabilità.Il come vada a finire è invece tutt’altro che una certezza, alimentata dal modo in cui Nicola Zingaretti le sue dimissioni le ha annunciate, dure ma tutt’altro che “irrevocabili” per ora (“le presenterò”), e dalle parole, un po’ grilline, con cui si è scagliato – come se ne fosse estraneo - contro il partito che ha diretto finora, dove si parla “solo di poltrone” e “primarie”. Mossa che, maliziosamente, si presta ad essere letta come un estremo rilancio, proprio di chi dice “piatto”, per ottenere una nuova legittimazione già alla prossima assemblea del 13 marzo. Per la serie: se volete che resti, ...



Sannioportale.it