• SABATO 28 NOVEMBRE 2020 - S. Rufo martire

Dentro l'oscurità di Billie Eilish, canto del mondo crepuscolare degli adolescenti

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


 “Mi sono buttata da un edificio”. Con queste parola Billie Eilish ha raccontato un suo inquietante incubo avvenuto il 4 settembre del 2018. Un sogno che, per sua stessa ammissione, era molto più lucido e reale di una semplice visione onirica. Perché dietro i capelli colorati di fredde tinte e il successo internazionale, la pop star americana è una diva tormentata e impegnata almeno quanto i cantautori più moderni.  Per capire l’arte di Billie Eilish, e lasciarsi coinvolgere dalla sua rivoluzione pop, bisogna scavare  nella vita di un’adolescente con un talento esplosivo che quotidianamente combatte contro i propri  demoni e gli haters del web. Sotto la stimolante passione artistica dei genitori, in un modesto  quartiere nella zona est di Los Angeles, l’artista compone a 14 anni insieme al fratello/produttore il  brano “Ocean Eyes”. E da questo singolo, scritto in una cameretta come in un classico sogno  americano, la scalata nella musica che conta è stata inarrestabile.  Dopo una generazione di pop star glamour ed esteticamente ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it