• SABATO 28 NOVEMBRE 2020 - S. Rufo martire

Covid e lockdown: Marzo ci ha salvato, Agosto ci ha rovinato

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Stiamo messi meglio degli altri, in Italia l’evoluzione del contagio non ha toccato i livelli raggiunti negli altri Paesi. Lo attestano i numeri, il Ministro della Salute, Roberto Speranza - pur invitando sempre alla prudenza perché “la battaglia non è vinta” - continua a ripeterlo, lo hanno certificato Financial Times e Wall Street Journal, confrontando i nostri dati con quelli di Francia, Spagna e Regno Unito - al momento le nazioni europee più colpite dal virus - dove la situazione va decisamente peggio.Negli ultimi tempi, però, lo scenario sta cambiando e rapidamente, settimana per settimana i nuovi contagi sono raddoppiati ed è cresciuto sensibilmente il numero dei ricoverati negli ospedali e nei reparti di terapia intensiva. Il vantaggio accumulato, quindi, rischia di consumarsi velocemente. Non a caso il Governo ha approvato, con il nuovo Dpcm, un pacchetto di misure nel tentativo di invertire la rotta e scongiurare il rischio, che è il timore più grande, di un nuovo lockdown generalizzato, ieri annunciato dal microbiologo Andrea Crisanti già per Natale.Eppure la situazione non è ancora del tutto perduta. Vale la pena, quindi, analizzare ancora una volta le ragioni della condizione più favorevole nella quale il nostro Paese si trova e che, se non si interviene con azioni mirate e immediate per modificare il trend, non durerà ancora per molto. Come fanno notare Walter Ricciardi e Giorgio Sestili, professore ordinario ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it