• VENERDÌ 23 APRILE 2021 - S. Adalberto vescovo

Com'è dolce il bla bla di Salvini con il Draghi sovranista (europeo)

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Da qualche settimana Matteo Salvini mi fa una simpatia cui non so resistere. Ha degli abboccamenti con le autorità sanmarinesi per ricavarne dettagli sullo Sputnik e va all’ambasciata indiana per accordi di fornitura più da diporto che prodromici (tra l’altro ottima idea, poiché l’India è una democrazia di snodo dell’Asia-Africa Growth Corridor, la risposta alla cinese Via della Seta), e tuttavia di queste giocose iniziative se ne raccontano sparuti dettagli e in pagine periferiche. Sarà che, mentre Salvini cerca il modo di occupare le sue giornate, Mario Draghi blocca nei magazzini di Anagni 250 mila dosi di Astrazeneca destinate all’Australia e impone all’Europa un atto politico anziché burocratico, e cioè l’applicazione di un regolamento sottoscritto a Bruxelles e da Bruxelles sempre trascurato. L’Unione, infatti, si riserva di impedire l’esportazione del vaccino a paesi non sommersi dall’emergenza pandemica (tale è l’Australia) soprattutto se si è inadempienti coi paesi comunitari (tale è Astrazeneca). E con un certo candore, erede diretto dell’imbelle ...



Sannioportale.it