• MARTEDÌ 26 OTTOBRE 2021 - S. Florio martire

Cina mette ansia ai mercati, tra caos Evergrande e "azzardo" a Macao

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Non c’è solo il temuto default del colosso immobiliare Evergrande a mettere in ansia la finanza e l’economia cinesi. Il tentativo di regolamentare il comparto del gioco d’azzardo a Macao - l’unico luogo in Cina dove scommettere è legale - rischia di deprimere ulteriormente la borsa di Hong Kong e gli investitori, non soltanto asiatici.Sul fronte della bolla immobiliare pronta ad esplodere in Cina, oggi gli analisti internazionali hanno espresso serie preoccupazioni riguardo al possibile “rischio contagio” che un definitivo e disastroso crack di Evergrande potrebbe avere sui mercati mondiali. Un timore che per ora trova riscontro nella seduta pesante delle principali Borse internazionali, tutte in rosso, a cominciare ovviamente da quella di Hong Kong, che ha chiuso la seduta con un meno 3,3%.Numeri molto negativi per il titolo Evergrande, che ha chiuso in calo di oltre il 10%, raggiungendo i valori più bassi in assoluto da oltre un decennio. La paura di un terremoto finanziario in Cina si fa sentire anche sulle quotazioni del petrolio che scendono e sui prezzi dell’acciaio. Meno cantieri in un mercato immobiliare di dimensioni enormi come quello cinese equivale a dire meno acciaio.Ora si tratta di capire se ci sarà, e quanto sarà ampio, l’intervento di Pechino su Evergrande, visto che molto difficilmente Xi Jinping lascerà degenerare la situazione per quella che alcuni definiscono la “Lehman Brothers cinese”, ricordando il crack del 2008 della banca d’affari statunitense. Un terremoto che comunque ha già raggiunto gli altri big del settore immobiliare in Cina, messi di fronte a un’impennata di vendite di titoli senza precedenti. Sinic Holdings Group (Shg), con sede a Shanghai, ha bloccato le contrattazioni sui suoi titoli a Hong Kong dopo aver assistito impotente a un tracollo dell’87%. Zhang Yuanlin, presidente della compagnia (da quest’anno nella lista Forbes delle persone più ricche del mondo, avendo fatto fortuna negli edifici residenziali) ha visto il suo patrimonio netto scendere da 1,3 miliardi di questa mattina a 250,7 milioni di dollari del pomeriggio, secondo i dati della stessa Forbes. Un massacro.Oggi, a funestare le performance delle borse asiatiche – e di quella di Hong Kong in particolare – ci si è messa anche la notizia della decisione ...



Sannioportale.it