• VENERDÌ 16 APRILE 2021 - S. Lamberto martire

Bergoglio in Iraq: il Padre di tutti i viaggi

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Oltre 340 milioni di cristiani perseguitati nel mondo; gli uccisi per ragioni di fede sono aumentati del 60% nell’ultimo anno, come riportato dal report della Onlus Porte Aperte Italia, nella World Watch List 2021. L’Iraq occupa l’undicesimo posto nella classifica mondiale, dove nel 2003 si contavano oltre un milione e mezzo di cristiani, oggi sono rimasti circa 300 mila: questi numeri ce li presenta monsignor Bashar Warda, vescovo di Erbil e una delle figure che riceverà Papa Francesco nel corso del viaggio nella terra di Abramo. Quattro giorni di visita molto intensa che sono la risposta a quanti hanno puntato il dito contro Bergoglio, accusandolo di pensare solamente ai profughi dimenticando i tantissimi cristiani che subiscono persecuzioni. Personalmente sono convinto che il Papa sa quando agire, come agire e perché agire. Senza lasciarsi strumentalizzare.Il successore di Pietro incontrerà la chiesa locale, visiterà i luoghi della persecuzione, del martirio e della ricostruzione. Come è vero che la Chiesa del primo millennio nasce dal sangue dei martiri, Sanguis martyrum – semen christianorum, così anche nel nostro secolo i martiri sono tornati, spesso sconosciuti, quasi mai sotto l’occhio dei media se non quando vittime di gesti eclatanti. Da questi nuovi martiri riparta la Chiesa del terzo millennio: “Il mio sogno è vedere il Papa in queste terre” ci ha raccontato Hala, una delle cristiane scappate da Mosul, fissando l’immagine di Gesù appesa alla parete. Le lacrime le rigavano il volto mentre ricordava le persecuzioni subite dalle milizie dell’Isis.Siamo stati in questa terra che ha visto nascere le tre grandi ...



Sannioportale.it