Aristide Police: "Sui vaccini Conte faccia come la Germania"

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Il Governo porterà Pfizer e AstraZeneca in Tribunale per i ritardi e i tagli annunciati nelle forniture dei vaccini. Ma quali effetti avranno questi ricorsi? Serviranno a restituirci le dosi mancanti, l’unico elemento che può far ripartire a pieno ritmo la campagna vaccinale? “Queste azioni legali sono doverose, ma per ora inefficaci”, puntualizza il professore Aristide Police. Avvocato cassazionista, docente di diritto amministrativo alla “Luiss”, è uno dei maggiori esperti della materia nel nostro Paese. Per lui, che non esclude anche il coinvolgimento dell’Anac, per risolvere la controversia sui vaccini, più che le cause in tribunale serve una moral suasion del premier Giuseppe Conte o del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulle case farmaceutiche coinvolte. “L’intervento delle autorità politiche nazionali”, infatti, “è più efficace anche di quello dell’Unione Europea”. Come ha dimostrato la condotta della Germania, con la Merkel che ha fatto stipulare un contratto, aggiuntivo all’accordo sottoscritto in sede europea, per forniture di vaccino nazionali.Professor Police, il Governo ha deciso di portare in Tribunale Pfizer e AstraZeneca. Quali effetti potranno avere queste azioni legali?Fermo restando la posizione del commissario straordinario per l’emergenza che ha stipulato i contratti con i fornitori del vaccino e quindi si trova nella posizione di doverosa reazione verso ogni forma di inadempimento a tali contratti, l’azione giurisdizionale è, per sua natura e per ...



Sannioportale.it