• MERCOLEDÌ 23 SETTEMBRE 2020 - S. Tecla vergine martire

Alla scoperta delle eccellenze della Food Valley italiana: Parma e dintorni tra pievi, concerti e mostre

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Huffingtonpost.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Parma, capitale italiana della cultura 2020-21, invita a un Ferragosto (e a seguire) fra note di musica e misticismo girando per pievi meravigliose aspettando un settembre gastronomico più “materiale” alla scoperta delle eccellenze della Food Valley d’Italia. Fino all’autunno inoltrato, infatti, i dintorni di Parma invitano a un susseguirsi di appuntamenti fra il colto e il ghiotto da mettere in agenda.Concerti, visite guidate e spettacoli in un contesto naturalistico, architettonico e spirituale fuori dall’ordinario sono gli ingredienti fondamentali dell’Estate delle Pievi, viaggio alla scoperta di un patrimonio parmense che fino a venerdì 18 settembre apre edifici simbolo di una storia millenaria che diventano protagonisti di un ricco programma che getta una nuova luce (artificiale o naturale, a seconda dell’orario) su veri gioielli d’arte. Dalla Pieve di Moragnano a quella di Barbiano, fino al Duomo di Berceto e alla Badia Cavana, le chiese, spesso ricche di opere d’arte e impianti decorativi che ricordano il loro periodo di massimo splendore tra IX e XII secolo, si reinventano come straordinarie location per spettacoli, sale da concerto o, semplicemente, ambienti da approfondire grazie a voci autorevoli ed esperte.Domani (15 agosto, giorno dell’Assunta) proprio alla Pieve Santa Maria Assunta di Fornovo di Taro va in scena, alle ore 21 il concerto “A ovest del mare, a est della musica” (ore 21), occasione per osservare il magnifico portale – di cui restano due capitelli e due figure nell’arco – che è l’unica parte superstite della facciata originale di quella che è considerata una delle più antiche pievi della diocesi di Parma. La statua che indica la strada per Roma ai pellegrini in cammino sulla Via Francigena evoca un passato di viaggi spirituali, che trova un pertinente stimolo acustico nell’esecuzione di Anita Camarella e Davide Facchini nelle musiche dal Llibre Vermell de Monserrat.Tra domani (domenica 16) e sabato 29 agosto torna ABSOLute. Romanico parmense, tesori da scoprire, con visite guidate e una piccola rassegna di musica per liuto “in trittico”: domani alle 18, illumina la Pieve di San Pietro a Tizzano Val Parma, già edificata intorno al X secolo e caratterizzata da una singolare posizione di isolamento che domina in cima a un monte con elementi romanici e tracce di affreschi del ’400 di un curioso monumento alla cristianità che richiama la tipologia del clocher-porche. Da vedere.Sabato 22 agosto alle 18, è la volta della Pieve di Cozzano a Langhirano, già indicata nella pergamena ordo archipresbyterorum plebium dell’11 giugno 1004, ma quello che oggi vediamo è il risultato di svariati interventi architettonici sulla struttura originale tracce che è un piacere per gli appassionati di medioevo scoprire.  Sabato 29 agosto alle 18 da non perdere il concerto all’Abbazia di San Basilide, fondata a inizio del ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it