• GIOVEDÌ 9 LUGLIO 2020 - S. Veronica Giuliani

Legittima la sospensione dell'avvocato che accetta il mandato in cambio di prestazioni sessuali

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dirittoegiustizia.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Viola i principi cardine della deontologia l’avvocato che subordini l’effettività e l’efficacia del proprio impegno professionale alla prestazione sessuale del cliente in suo favore, in quanto la confusione o la sovrapposizione dell’atto sessuale alla prestazione professionale è di estrema gravità.



Macrolibrarsi
Sannioportale.it