• MARTEDÌ 20 OTTOBRE 2020 - S. Contardo Ferrini

VIDEO | Sos pelle, il 15% degli italiani soffre di allergia al Sole e il 3% di vitiligine

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Dire.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Michela Coluzzi 25/09/2020 Sanità m.coluzzi@agenziadire.com Risposte e trattamenti nel nuovo 'Centro di Fotodermatologia e Cura della Vitiligine' dell'Ospedale Israelitico Share on facebook Share on twitter Share on whatsapp Share on email Share on print ROMA – Il sole e la tintarella, tipiche dell’estate che si è appena conclusa, generalmente restituiscono un’idea di benessere e fanno bene alla pelle ma non è la regola. Tanto è vero che il 10-15%, con una incidenza pari al 70% nel sesso femminile e dunque un 30% in quello maschile degli italiani soffre di intolleranza o risulta ‘allergico’ al sole. Si parla a volte di un’irritazione provocata dalla semplice esposizione al sole, anche per pochi minuti per strada, nei casi più severi si tratta di una vera e propria fotodermatosi. Un fenomeno che è in continuo aumento dovuto a molti fattori tra i quali il cambiamento climatico oltre che ad una predisposizione individuale. La vitiligine è un’altra malattia della pelle che colpisce circa il 3% della popolazione e che si caratterizza per una depigmentazione cutanea altamente invalidante anche sotto l’aspetto psicologico. Quando compare in zone visibili del corpo lo stigma sociale può essere difficile da affrontare ma le ‘confessioni’ di modelle, la prima Winnie Harlow e star del cinema, tra le ultime Kasia Smutniak, hanno contribuito e aiutano ancora a ribaltare il pregiudizio sociale che ne deriva. L’autunno che è alle porte rappresenta allora il momento ideale per effettuare un check up della pelle, grazie all’esperienza degli esperti e all’uso di macchinari di ultima generazione oggi è possibile: effettuare test fotodiagnostici per la prevenzione e terapia delle fotodermatosi, stabilire una corretta fotoprotezione e limitare i danni legati alla fotocarcinogenesi e al fotoinvecchiamento. I pazienti che soffrono di queste patologie da oggi possono trovare risposte e trattamenti nel nuovo ‘Centro di Fotodermatologia e Cura della Vitiligine’ che potenzia l’offerta sanitaria dell’Ospedale Israelitico che in questo modo è in grado di offrire ancor di più risposte alle esigenze di salute a tutti i cittadini di Roma, dell’intera Regione e non solo e ponendosi come centro leader in Europa per la Fotodermatologia grazie a collaborazioni scientifiche che lo pongono in un network accreditato. Il Centro è stato presentato ieri, nell’esclusiva location della terrazza dell’Associazione Civita a Piazza Venezia, Roma alla presenza del suo Presidente il dottor Gianni Letta, della Presidente della Comunità ebraica di Roma, la dottoressa Ruth Dureghello, del Vicepresidente dell’Ospedale Israelitico, il dottor Fabio Calderoni e del Professor Giovanni Leone, consulente scientifico dell’ospedale che nella sua relazione è entrato nel merito dei nuovi protocolli e degli studi clinici in corso presso il nosocomio. E ancora il dottor Andrea ...



Macrolibrarsi
Sannioportale.it